Home / Gallery / Sofia Loren

Sofia Loren

– Uè Uè Sofia Lorèn, fermati! T’aggia chierere ‘na cosa

-Ma chi? Io? Sofia Lorèn?

– E che ne vedi altre?

-No ma infatti, dimmi

-Te la fai leggere la mano? Tengo la vista lunga io, ti puoi fidà eh

– Eh eh mo, ma si napolitan tu?

-E mo che c’azzecca scusa? Vuo dicere ca si songo napolitàn non t’ può fidà ‘e me?

-No, no. Per carità, te l’aggio chiesto accussì, perché mi piace assai Napoli.

-E ci credo ca t’ piace. Pure a me m’ piace, ma non la vedo da dieci anni.

-E pecchè?

-Pecchè stong ccà a Roma, alla stazione più che altro.

-E che fai?

-Oh oh, uagliona ca le domande ‘e faccio io.

-E dai, nu poco io e nu poco tu.

-Prima di tutto uagliona vedi ‘e nun parlà accussì che per quanto ci provi napoletana non lo sei.

-Va bene, daje, eccote la mano!

-Perfetto. Ah, scurdavo

-Che?

-Nun è che ti leggo il futuro aggratisse, come dite voi. Tieni gli spicci, sì?

-Li tengo, li tengo.

-Buono, iniziamo. La linea della vita è lunga. Nu poco storta pe essere precisi. Da piccola niente danza classica, o vero?

-No, ma che c’entra?

-Eh eh lascia fa. Va buò, comunque puoi ritenerti discretamente soddisfatta, la salute ci dovrebbe stare.

-Azz, tieni talento tu.

-Che fai sfotti?

-No, no. Vai con la prossima.

-Ambè. Facimm la linea della testa

-Spara

-La tieni spezzata.

-Che la testa?

-No, ‘a linea.

-Ah, è grave?

-Nu poco, ma c’è rimedio. Linea della capa spezzata, e se non ci credi cerca pure su gùgle, vuol dire ca tieni pensieri contradditori.

-Aaaah e capirai.

-Eh eh, tutti accussì dite. Dovresti lavorarci sù piuttosto

-Ah si? E come?

-E che ne saccio i? già è tant ca ti dico il guaio, al rimedio ci ‘a pensà tu.

-Grazie, sei n’amica.

-Va buono, ora vediamo se co ‘o core te la cavi meglio. Allora, dammi qua. No, niente.

-No scusa, niente che?

-Eh uagliona, niente di buono. Cioè per carità la linea la tieni eh, quindi a tenerlo il cuore lo tieni.

-Ma pensa tu i casi della vita…

-Fai poco la spiritosa che qui devi intervenire. Dicevo, la linea la tieni, ma il guaio è che è attraversata da altre linee.

-Perché tengo tanti cuori?

-Se bum! è  arrivata  Madre Teresa. No, ne tieni uno e lo tieni pure coperto.

-Va bè e che vuol dì?

-E non lo saccio. Ma capita spesso, nun è che mo sei speciale. Io te lo dico, nu poco di rossetto in questi casi aiuta, non per farmi gli affaracci tuoi eh, ma ti vedo nu poco sfatta.

-Carina, te li sto per dare ‘du spicci.

-Aò, io la mano te l’aggia letta, se non t’aggrara pigliatella con lei. Comunque aggio finito il mio lavoro. Cinque euro, grazie.

-Alla faccia degli spicci. Va bè comunque.  Posso sapere chi sei tu?

E che non l’hai capito? Songo la zingara della stazione.

Vivo di vite degli altri, e alle volte mi scordo la mia.

Tengo mille carte, ma quella vincente ancora non l’ho giocata.

Nel frattempo rimango qua, tra gente che viene e gente che va, aspettando il mio treno, che prima o poi partirà.

 

Marica Fantauzzi

sofia loren

Check Also

Bianca

“ No sorè, ho la carrozza quattro io, tu hai la sei. Ma tranquilla, ci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *