Home / Editoriale / 25 aprile alla stazione

25 aprile alla stazione

La festa della liberazione nella stazione – liberi di filmare, di raccontare le storie di umani che passano, che incontriamo ogni giorno tra i binari, i negozi, i palazzi dell’Esquilino, le rovine di un antico palazzo romano.. Termini non significa “termine”, viene da “terme”.

Qui generazioni di privilegiati hanno goduto di giardini e fontane. Ora noi sferragliamo sulle loro teste, senza renderci conto che la stazione cambia in fretta. Noi siamo gli unici a farlo, a vivere la stazione ogni giorno, cercando di testimoniare cambiamenti e storie di vita, casi e casini che passano di qui nelle teste di chi viaggia e si sposta, o ci lavora.

Vi invitiamo a venirci a trovare a Termini Underground, il nostro studio a Termini, con un video che rimanda a una classica scena di “Un sacco bello” di Carlo Verdone (in tutt’altro faccende affaccendato di questi tempi).

Check Also

L’uomo che filmava le stazioni

La storia di un ragazzo che voleva filmare le persone in stazione, senza rendersi conto …

One comment

  1. Ok ma dov’è Termini Underground? Ho capito zona laziali ma dove esattamente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *