Home / Editoriale / L’uomo che filmava le stazioni

L’uomo che filmava le stazioni

La storia di un ragazzo che voleva filmare le persone in stazione, senza rendersi conto che stava mettendosi in una situazione più grande di lui. Filmato ad agosto 2016 in seguito al rifiuto, da parte di Grandi Stazioni, di considerare il nostro progetto come una ricchezza per Termini, dandoci quindi il permesso di filmare in stazione. Piuttosto, alcuni zelanti guardiani di “protezione aziendale”, hanno preferito seguirci e spiarci, per poi intimarci di non tornare a Termini. Visto che non siamo riusciti a convincerli della bontà del progetto, abbiamo preferito riderci su, ma ci sarebbe da piangere, di fronte a tanta miopia.

Arriverà la morte e avrà i tuoi due neuroni (semi cit.).

Abbiamo iniziato a filmare dentro la stazione Termini a fine 2014. C’erano ancora i senzatetto lungo i binari – e i ladri pure, sì. Ora i ladri sono fuori, e i senzatetto pure. E pure noi siamo fuori. La stazione si è blindata, e ha messo fuori tutto quello che non sia “corporate”. Oggi Termini è un luogo diverso, e sta cambiando ancora parecchio, con la costruzione del parcheggio sopraelevato, in primis, ma anche con la costruzione di un nuovo spazio commerciale accanto alla già nuova “Terrazza” di Termini. Terrazza da cui già non si vedono più le colline, coperte dalla piastra del parcheggio. Noi di TerminiTv questi cambiamenti abbiamo cercato di registrarli, ora proveremo a commentarli. Innanzitutto su Radio Onda rossa, frequenza 87.9, ogni martedì alle 19. Poi su “Il nostro”, un free press in cui troverete una pagina dedicata alle storia da e di Termini. Terminiani di tutto il mondo, uniamoci!

video: Fran Atopos

Check Also

Refugee Tracks – Binari di confine, il primo crowdfunding di TerminiTV

Sono anni che leggiamo di crowdfunding finiti male, e di quelle poche campagne che invece …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *